Home
News
Lyrics - Testi e Traduzioni
Forum

+++ Guida all'ascolto



Gackt Camui Per innamorarsi perdutamente della musica del signor Gackt c'è solo una cosa da fare:

1° prendere la sua single collection "The Sixth Day" (oppure Gackt stesso, se è a portata di mano);
2° chiudersi in una stanza, possibilmente nella propria camera da letto (ATTENZIONE!!! E' altamente sconsigliato farlo nel caso Gackt si dovesse trovare nei paraggi, potrebbe rivelarsi una scelta davvero pericolosa);
3° far partire il CD, spegnere la luce e infine sdraiarsi (opzionale) ad ascoltarlo;

E' un'emozione unica ed impagabile per un'anima appassionata ed è, infondo, utile a capire se si è adatti o meno ad essere degli ascoltatori del signor Gackt: non esistono vie di mezzo, o si ama la voce di Gackt, oppure la si odia. Ma forse era meglio specificare, sin dall'inizio, che "The Sixth Day" è probabilmente un po' troppo eccessivo per chi abbia appena deciso di accostarsi alla musica del maestro: "The Sixth Day" è difatti un vero e proprio dono per i vecchi fans (come l'ha daltronde definito Gackt stesso) che non possono non considerarlo, in un qual modo, una vera e propria benedizione (non potrebbe essere altrimenti con "saikai ~Story~" nella track list). Ho pertanto ritenuto utile riportare in questa pagina il percorso musicale che mi ha "irremediabilmente" portato a questa mia passione per il signor Gackt e il suo lavoro.

Tanto tempo fa, mi sembra nell'estate del 2004, ma non ne sono certa, comunque il quando non ha importanza...dicevo, tanto tempo fa un mio caro amico (Sama-chan) mi passò sciaguratamente una canzone di un non meglio identificato Gackt, intitolata "U+K"; c'è da dire che io non ero nuova alla musica giapponese, visto che già ascoltavo con piacere ed entusiasmo personaggi come la grande Utada Hikaru e i sempre mitici Do As Infinity. Comunque, il testo di quella canzone mi colpì, come il fatto che fosse dedicata ad un caro amico dell'autore, scomparso in giovane età (il signor Kami T_T) e decisi quindi di ascoltarla. Bene, il primo ascolto semplicemente mi scioccò, primo perchè "U+K" mi sembrava tutto tranne che una canzone da dedicare ad una persona cara perduta (col tempo ritengo però di aver capito il signor Gackt, e lo apprezzo ancora di più), secondo perchè il cantante possedeva una voce e un'interpretazione davvero incredibili. Devo ora raccontare un piccolo aneddoto: prima di conoscere il signor Gackt avevo più di un pregiudizio nei confronti delle voci maschili giapponesi; dopo aver sentito diverse sigle di anime interpretate da uomini, ero giunta all'erronea conclusione che gli uomini giapponesi, in generale, non fossero adatti al canto...lo so è una ragionamento davvero stupido, ma ero giovane che ci volete fare? Bè Gackt mi ha aperto gli occhi su quanto fossi ignorante.
Tornando a "U+K", non sarei sincera se non dicessi che al primo ascolto, cantante escluso, la melodia nel suo insieme non mi era piaciuta particolarmente, ma già dal secondo ascolto (come spesso capita con la musica) non potevo più farne a meno e, mentre i giorni passavano, diventava sempre più snervante non poter ascoltare altre canzoni del signor Gackt. Mi feci così passare e cercai finalmente nuove sue canzoni:

Last song - Gackt

Mizerable - Gackt

Another world - Gackt

"Last Song", "Secret Garden", "Emu - for my dear - ", "Oasis", "Mizerable", "Another world", "Tsuki no Uta", "Vanilla", "Orenji no taiyou" e finalmente (grazie a Lenneluce) il mio primo album completo "Moon".

Moon - Gackt

Un paragrafo speciale va proprio dedicato agli album: ho avuto modo di osservare che in genere, chi ha iniziato ad ascoltare Gackt, anche sensatamente, da "Mars" (ovvero il suo primo album da solista) non è poi riuscito ad apprezzare come meritano i dischi successivi. Io, per cause di forza maggiore e non di certo per volontà mia, sono riuscita ad ascoltare "Mars" solo per ultimo: il primo, come appena detto, è stato "Moon", sono poi seguiti "Crescent" (il mio preferito *.*), "Love Lette", "The Sixth Day", "Mars" e ora, naturalmente, il più recente "Diabolos". Dopo parecchio tempo, sono poi riuscita anche a mettere le mie grinfie su "Rebirth" e credo che quest'album, così bistrattato, meriti un capitolo a parte.
Oasis - Gackt

Secret Garden - Gackt
Mars - Gackt Rebirth - Gackt Crescent - Gackt Diabolos - Gackt


Parallelamente agli album da solista, ho cominciato ad ascoltare anche i lavori del periodo di attività di Gackt nel gruppo "Malice Mizer". Li ho subito adorati (fantastiche anche le canzoni del gruppo dopo l'uscita di Gackt, come la potente "Beast of blood" o "Gardenia"), tant'è che ho comprato i loro album "Voyage sans retour" e "Merveilless" prima di quelli del signor Gackt cantautore ò_ò. Per quanto riguarda sempre i Malice, ho iniziato con l'ascolto dei loro brani "Syunikiss", "Le ciel", "ILLUMINATI", "gekka no yasoukyoku", "N.p.s N.g.s - No pains No gains -" e "Transylvania".

Tale, per somme linee, è stato quindi il percorso che mi ha portata a conoscere e ad amare profonadamente la voce di questo, ahimè, estraneo Gackt Camui. Sono grata al cielo che ha fatto entrare nella mia vita queste splendide melodie.



Capitolo a parte dedicato all'album più bistrattato di Gackt, "Rebith":

Ci credereste (domanda sbagliata...-__-''') se vi dicessi che mi sono accorta che sulla copertina c'era Gackt (bè si, di questo in realtà ero già consapevole -__________-''') in una tipo "sacca mortuaria da obitorio" solo quando ho avuto il cd in mano (waa è bellissima lo stesso *__________*, tra l'altro avrei dovuto aspettarmelo visto il tema dell'album - che, non so perchè, ma mi ricorda tantissimo il film Casshern -)? Ecco, questo è per farvi capire quanto è snobbato quest'album di Gackt dai "palati sopraffini degli ascoltatori di musica" (no...non so cosa voglio dire con questo ò.ò). Cioè, aspettate un attimo, mi spiego meglio: io non avevo mai sentito Rebirth, però sono bastate le numerose critiche a quest'album, lette qua e là, a convincermi inconscimanete che non valesse la pena interessarsene più di tanto. Bè, non posso dire che Rebirth sia il mio album preferito (e poi quello, per un motivo o per l'altro, resterà sempre Crescent), ma posso in tutta sincerità affermare che è quello che si ascolta più "facilmente". Non so come spiegarmi, mi sfugge il termine italiano, ma comunque: non è l'album di Gackt più piacevole da ascoltare, ma quello che si ascolta più piacevolmente (ha un qualche senso logico ò.ò?!). Certo, a parte "Secret Garden", "seki-ray" e "Papa lapped a pap lopped" (e scusatemi se è poco *___*), Rebirth non spicca per grandi titoli (e 4th è come se non esistesse), ma nell'insieme lo giudico l'album meglio concepito e assortito di Gackt e che, nel suo complesso, si ascolta più volentieri. Perciò, spero che darete tutti un'altra possibilità a questo album degno di tutto il nostro affetto ^^.

^ [Top]
Tribute to Gackt Camui fondato il 25 Gennaio 2006 da Yuna87. All Rights Reserved.

Tribute to Gackt Camui, part of Lifestream - The Promised Land, copyright © 2006-2018 Yuna87. All rights reserved. Designed by Yuna87. No parts of this site may be republished without the prior express written permission of the webmaster. For more informations about this website please visit our Info Point.

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. No Copyright infringement intended.
For informations and/or any mistakes or problems with copyright please contact me here.